Lecce - La casa di nonna Adriana

Vai ai contenuti

Menu principale:

Città del barocco e della pietra leccese!per la bellezza dei suoi monumenti è definita la Firenze del Sud. Elegante esaltante, Lecce affascina i turisti non solo per il suo patrimonio artistico, ma anche per la sua luce e l'ospitalità della gente che si respira in ogni via o vicolo della città. Per non parlare del patrimonio culinario..pasticciotti, pasta di mandorla, rustici o pucce..per chi visita il Salento è una tappa obbligata!! Capoluogo di provincia, ha origini talmente antiche da essere considerate ignote da un punto di vista storico. Le uniche testimonianze giungono, infatti, dalle numerose leggende e racconti mitologici ad esse associati.
I primi insediamenti si attestano all’era messapica, con tracce significative, ma le prime informazioni certe risalgono solo all'epoca dei romani. A quel tempo la città prendeva il nome di Lupiae e la sua ascesa al potere fu tale da determinare la decadenza della vicina città Rudiae. Al periodo romano risalgono numerosi monumenti e opere d'arte: tra questi annoveriamo, l'Anfiteatro romano in piazza Sant' Oronzo e il Teatro romano, entrambi del secondo secolo dopo Cristo; la Colonna di Sant' Oronzo, portata nel 1666 da Brindisi, che rappresenta una delle due colonne terminali della Via Appia; il Castello Carlo V circondato da mura e bastioni; la Chiesa di S. Niccolò e Cataldo del 1180, completamente affrescata e con annessa un'abbazia all’interno della quale si ammirano due magnifici chiostri.
Lecce è quasi interamente decorata in stile barocco, molto bello e particolare da essere identificato come stile: il Barocco Leccese. Tra i simboli che per eccellenza rappresentano l’arte barocca leccese si annoverano: la Basilica di Santa Croce, con annesso l’ex Convento dei Celestini dalla meravigliosa facciata, ora sede della Prefettura; la chiesa di Sant' Irene; la chiesa di San Matteo; la Chiesa del Gesù con i suoi bellissimi altari; San Giovanni Battista; Santa Chiara; Sant' Angelo e Santa Maria delle Grazie in piazza Sant' Oronzo.


Altri splendidi esempi di lavorazione della pietra leccese, frutto dell’abilità dei maestri scalpellini, si sono conservati non solo nelle chiese e nei monumenti principali ma in tutto il centro storico: dai balconi e le terrazze delle abitazioni private al complesso monumentale di piazza del Duomo, che ospita oltre alla Cattedrale, al campanile alto 70 metri, tutto è barocco.
Lecce è una città pronta ad accogliervi durante le vostre vacanze.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu