Le spiagge e le marine - La casa di nonna Adriana

Vai ai contenuti

Menu principale:

Pesculuse - Posto Vecchio

Le due marine si trovano nel basso Salento, sul tratto di costa ionica tra Torre Pali e Torre Vado, a 15 minuti da Alessano. Il litorale è basso e sabbioso, caratterizzato dalla presenza di dune retrostanti. La particolarità della spiaggia è quella di presentare una sabbia finissima e molto chiara, la più fine del Salento. La costa è rivolta verso Sud e la sua particolare posizione permette a Pescoluse di godere di un'acqua limpida e cristallina durante tutte le stagioni. Poco distante dalla costa si trovano diverse grotte carsiche. La località è importante anche dal punto di vista archeologico per la presenza di un dolmen e di una tomba del 2500 a.C.
Per chi ama la tranquillità e non vuole ricunciare ai servizi segnalo due stabilimenti molto belli in località Pesculuse, Le Maldive del Salento
 e Le cinque vele. Entrambe le strutture, sono l'ideale per chi ama stare tranquillo, in uno spazio più riservato con tutti i confort che uno stabilimento balneare può dare,e per trascorrere dei giorni di vacanza in assoluto relax. Il collegamento è diretto ai due siti, peer i quali non svolgo alcuna pubblicità ma che segnalo come molto interessanti ai miei potenziali ospiti.

Torre Vado

A poca distanza da Santa Maria di Leuca e quasi un continuum delle spiagge di Pesculuse e Posto Vecchio (Comune di Salve) è situata Torre Vado (Comune di Morciano di Leuca), rinomata località balneare del litorale ionico salentino. La costa è caratterizzata da basse scogliere. Il centro abitato si è sviluppato intorno al piccolo porto. E' una delle numerose torri di avvistamento costiere fatte costruire nel XVI secolo da Carlo V per difendere il territorio salentino dalle invasiononi dei pirati Saraceni. La torre di guardia si trova sulla costa a pochi metri dal mare ed è attualmente circondata da alcuni edifici costruiti in epoche più recenti.

Marina di Novaglie

Marina di Novaglie, o semplicemente Novaglie, è una località balneare della provincia di Lecce pertinente alle municipalità di Alessano, Corsano e Gagliano del Capo, collocata sul tratto di costa tra Marina Serra e Gagliano del Capo è caratterizzata da un mare profondo, di un blu intenso. Il tratto di costa su cui sorge Novaglie è ricco di grotte naturali di notevole interesse paesaggistico, geologico e storico. Tutte le grotte sono attualmente accessibili via mare, anche se il ritrovamento di fossili di animali marini di circa 30.000 anni fa testimonia che in epoca remota esse furono sommerse; viceversa, un ciottolo inciso da mano umana ritrovato in una delle Grotte Cipolliane e risalente a 10.000 anni fa ci informa che nel paleolitico il livello del mare fu più basso di ora, e che le grotte furono anche adibite a rifugio umano. Vi ricordo le principali: Grotta Azzurra: così chiamata per la caratteristica colorazione delle acque al suo interno; Grotta del Diavolo: si tratta di una piccola grotta con una ristretta camera che si trova a ridosso della costa nell'ampio golfo di Novaglie, di fronte alla falesia tradizionalmente denominata Punta Rossa. Il suo nome probabilmente deriva dal fatto che essendo la grotta molto buia in quanto orientata contro il sole, e che termina in un minuscolo inghiottitoio, probabilmente in tempi antichi essa fu ritenuta la porta degli inferi. Grotte delle Cipolliane: si tratta di due grotte posizionate una a livello del mare e l'altra sovrapposta. Singolarmente, esse vengono chiamate Grotta del Presepe (in quanto evoca la grotta di un presepe) e Grotta dell'Elefante (a causa di una formazione rocciosa simile ad un elefante). Quest'ultima è molto importante per il rinvenimento al suo interno di un ciottolo intagliato da mano umana risalente al paleolitico e oggi esposto al Museo Civico di Paleontologia e Paletnologia di Maglie.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu